Petrolio a 20 dollari, rapporto shock di Goldman Sachs: ecco chi guadagna e chi perde in questo scenario

Goldman Sachs ha lanciato un bel macigno nel mare dell’economia mondiale. In un rapporto sul futuro del petrolio, gli analisti della banca d’affari statunitense sostengono che il petrolio in costante calo da diversi mesi, potrebbe continuare la sua discesa fino ad arrivare a 20 dollari al barile.

Il rapporto non indica una data precisa per il crollo del petrolio, ma intanto pensa a tagliare le stime per il 2016. Il prezzo dei future sul mercato USA, l’indice WTI è rivisto al ribasso da 57 dollari a 45, mentre il Brent passa da 62 a 49,5 dollari. Anche l’Opec ha tagliato le stime dei prezzi del petrolio per il 2016: il Brent passa così dal range di 70-80 dollari al barile all’attuale stima di 40-50 dollari. I Paesi membri dell’organizzazione si sono riuniti, ma non hanno trovato un accordo relativo ai prezzi del petrolio. I 12 Paesi che forniscono il 42% del petrolio mondiale temono che tagliando la produzione di petrolio (nel tentativo di bilanciare domanda e offerta) i principali concorrenti Russia e USA potrebbero impossessarsi di quote di mercato.

Leggi l’intero articolo su IBTIMES 

Annunci

Un pensiero su “Petrolio a 20 dollari, rapporto shock di Goldman Sachs: ecco chi guadagna e chi perde in questo scenario

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...